OFFLINE
2014/2016

Project by Andrea Martinucci Curated by Petra Cason
offline#6,
acrylic and pencil on canvas,
interactive neon, light sensor and video

110x160cm

2016

Collaboration to the texts  by Alessia Rotondo
OFFLINE not only is the state of no connection to a network but also refers to a current sociological trend, that is to say the individual alienation to the surrounding world. This state may be assimilated to an oniric dimension. OFFLINE is an art project which results in speculation about the relationship between technology and interpersonal behaviours as a chance to tell a story.

OFFLINE mutua dal linguaggio digitale, ma il termine, che nella sua accezione tecnologica denota la mancanza di connessione a una rete, vira fino ad indicare un comportamento sociologicamente riconoscibile, attuale, tipico della contemporaneità: la disconnessione dell’individuo dal contesto che lo circonda, un’astrazione assimilabile alla dimensione onirica. OFFLINE è un progetto artistico che apre una speculazione intorno al rapporto tra tecnologia e dinamiche interpersonali, quale pretesto per raccontare una storia.






Mappe
2015

Project carried out during Residenza Artistica Bocs Cosenza.
Curated by Alberto Dambruoso and Martedi Critici

The project “Mappe” is the result of a series of interviews to citizens of Cosenza who were asked to tell their life paths.
In addition, they were asked why they had left their hometowns and never gone back. After analysing all interviews, the interviewees’ life paths were drawn through black lines by means of Google Maps.

These maps are drawn on tracing papers contrasting the painting lines of interviewees’ palm. A sound installation has been implemented and you may hear their voices while being interviewed.

Mappe
2015

Progetto realizzato durante la Residenza Artistica Bocs Cosenza. A cura di Alberto Dambruoso e i Martedì Critici

Il progetto Mappe nasce da una serie di interviste ai cittadini di Cosenza. A loro è stato chiesto che tipo di percorso hanno fatto nella propria vita. Perché si sono spostate dalla città natale e perché ne hanno fatto successivo ritorno. Dopo aver esaminato le interviste, tramite Google Maps si sono ricreati i percorsi degli intervistati, rappresentati tramite delle linee nere. Queste sono state disegnate su dei fogli di carta da lucido, entrando in contrasto con le linee pittoriche del palmo della mano delle persone intervistate. Il lavoro si completa con l’installazione sonora che riempie l'ambiente con le voci sovrapposte delle persone che raccontavano i loro spostamenti.



Mappa#2 acrylic, ink and pencil on canvas + sheets of tracing paper, 50x50 cm; 2015
Mappa#1 acrylic, ink and pencil on canvas + sheets of tracing paper, 50x50 cm; 2015
Mappa#3 acrylic, ink and pencil on canvas + sheets of tracing paper, 100x100 cm; 2015

installazione audio

© 2018 ANDREA MARTINUCCI All Rights Reserved.